notizie sparse apparentemente a caso
news scattered seemingly at random
...

domenica 13 dicembre 2015

Gli obelischi dell'antico Egitto


di Rik Negus
Traduzione: Tycho


INTRODUZIONE

Nel mese di aprile del 2015 ho avuto l'opportunità di visitare l'Egitto e vedere l'Obelisco incompiuto ad Assuan e i due obelischi di Karnak, che sono l'argomento di questo articolo. Sono un tecnico architettonico che per cinquant'anni ha cercato di capire come realizzare i disegni degli architetti; quindi, se si considerano gli Obelischi, la domanda nasce spontanea - come hanno fatto a costruire ed erigere queste incredibili strutture. Non pretendo di essere un "esperto", ma mi avvicino a tutto con una mente aperta e curiosa, la mente di un principiante aperto a tutte le possibilità.


PUNTO DI RIFERIMENTO

Mentre ero a Luxor ho acquistato un libro intitolato Gli obelischi dell'Egitto di Labib Hamachi (1984, The American University in Cairo Press), che viene utilizzato come un punto di riferimento per quanto riguarda la visione dell'Egittologia "convenzionale" di come gli Obelischi siano stati costruiti ed eretti. I riferimenti a questa pubblicazione sono riportati in neretto corsivo nel testo senza ulteriore riferimento.


L'Obelisco incompiuto

L'Obelisco incompiuto, se finito, avrebbe misurato 41,75 metri di altezza, con una base di 4,2 metri di lato e un peso di 1168 tonnellate. La cava si trova ad Aswan (24,076886°, 32,895361°), ed è 1053 metri in direzione nord-ovest verso la riva odierna del fiume Nilo. Il terreno della zona è costituito principalmente da granito, così si può assumere che il corso del Nilo sia cambiato poco con il passare del tempo in questa zona.



Ci viene detto che "Il lavoro è iniziato togliendo la superficie irregolare. Ciò è stato realizzato ponendo dei mattoni sulla superficie da rimuovere, riscaldandoli fino a che fossero piuttosto caldi, bagnandoli poi con acqua fredda. La superficie della roccia fratturata in questo modo diveniva facilmente staccabile, rendendo la superficie ragionevolmente liscia."

e gli esperti di egittologia sostengono che l'obelisco è stato tagliato dalla roccia di granito utilizzando

"Grandi palle di dolerite, ciascuna del peso di circa 5,5 chilogrammi con una misura dai 15 ai 30 centimetri, sono stati trovati vicino l'obelisco... Le sfere erano apparentemente attaccate a dei pestelli e venivano utilizzate per colpire verticalmente dall'alto verso il basso con grande forza"
e affermano che

"La trincea e i pozzi sono stati, pertanto, non tagliati fuori, ma piuttosto sbattuti fuori"

e che

"Si possono immaginare diverse migliaia di uomini disposti attorno all'obelisco in gruppi di tre, due in piedi, tenendo e alzando il pestone, e un terzo accovacciato per dirigere il colpo nel punto giusto"


Esaminiamo ciascuno di questi punti.

Non c'è nulla di ragionevole circa la spiegazione di pulire la superficie irregolare. Con la vastità del luogo, come si fa a riscaldare ad una temperatura abbastanza calda e con che cosa? Inoltre questi mattoni dovevano essere trasportati. E quanta acqua ci sarebbe voluta per raffreddarli? Non ci sarebbe stato alcun controllo sulla fratturazione, e ricordo che abbiamo a che fare con il granito, che è una pietra molto dura.

Le rocce di dolerite esistenti sul sito sono di forma e dimensioni casuali, queste avrebbero dovuto essere collegate ad un "pestone" (ipotesi), di forma e lunghezza sconosciute. Il granito veniva quindi fracassato con queste pietre. Nel nome della scienza esatta, qualcuno ha mai provato a duplicare questa procedura e determinare quanto granito sarebbe stato eroso nel corso di una giornata di otto ore sotto il sole e con la temperatura che è prevalente ad Aswan?

A causa della forma irregolare delle pietre e della procedura descritta, le cavità ottenute sarebbero state irregolari, così come la rottura del granito. Non ci sarebbe stato alcun controllo sulla forma o sulla direzione.



Se consideriamo i fianchi scavati dell'Obelisco incompiuto noteremo l'uniformità nei loro tagli e nella forma: le pareti sono verticali, la larghezza del taglio nella foto allegata è di circa 50 centimetri - è uniforme e rettilineo. I lati non mostrano alcun segno di "sfondamanto".


I lati dei tagli mostrano linee di cresta verticali a medesime distanze, la faccia tra le linee di cresta è quasi piatta e le creste stesse sono minime in altezza. Nella parte inferiore del taglio c'è un raggio. Si noti che non vi è alcun foro concavo che sarebbe il risultato di "colpi" con le rocce di dolerite. Questi tagli sembrano essere larghi circa 20 a 25 cm e coerenti nella loro verticalità e larghezza.

Niente di tutto questo suggerisce un "pestaggio" con pietre irregolari ma invece suggerisce qualcosa che effettuava una serie di tagli verticali nel granito. Che cosa avrebbe fatto questi tagli è la speculazione, ma l'evidenza punta direttamente a qualche altra tecnologia, forse una fresa cilindrica girevole.

Si possono immaginare diverse migliaia di uomini disposti attorno all'obelisco in gruppi di tre, due in piedi, tenendo e alzando il pestone, e un terzo accovacciato per dirigere il colpo nel punto giusto


Proviamo a immaginare questa situazione. Il Building Code in Canada afferma che per lo spazio in piedi ogni persona occupa 0,40 metri quadrati. Quanti sono "diverse migliaia"? Supponiamo 2500, nel senso che richiederebbero 1000 metri quadrati, senza alcuno spazio di manovra.

Notiamo l'irregolarità del sito, notiamo che le linee di taglio sono verticali all'orizzonte non l'obelisco stesso, e notiamo anche che l'obelisco si trova su una pendenza di 10° rispetto al piano orizzontale.


Sarebbe materialmente impossibile avere diverse centinaia, per non parlare di alcune migliaia, di uomini posizionati intorno all'obelisco e svolgere la funzione di lavoro che è stata suggerita dagli "esperti" di Egittologia.


Ci è stato detto:

L'Obelisco incompiuto sarebbe stato perfetto, il lato inferiore si sarebbe staccato dalla roccia madre attraverso delle gallerie scavate al di sotto e progressivamente riempite con assi di legno fino a quando il lato non si fosse completamente staccato.

Sempre utilizzando queste leve da entrambi i lati dell'obelisco, questo sarebbe stato fatto oscillare leggermente avanti e indietro e gradualmente sollevato aumentando l'altezza della confezione sotto ogni sollevamento. In questo modo, la base avrebbe potuto essere sollevata di 2.43 metri sopra il livello attuale, e la quantità di roccia da rimuovere davanti all'obelisco notevolmente ridotta di conseguenza.



Avendo intrapreso l'estrazione di un oggetto di tali dimensioni e peso, i responsabili avrebbero avuto i mezzi per rimuovere e trasportare l'obelisco. Va notato a questo punto che l'obelisco si trova su una pendenza di 10° rispetto alla linea orizzontale. Come indicato in precedenza il lato dei tagli varia nella dimensione ma il minimo sembra essere di circa 50 centimetri di larghezza. Per tre uomini lavorare con il loro strumento martellante in questo spazio sarebbe impossibile, per non parlare sotto l'obelisco per rimuovere detriti e inserire assi di legno. Una volta totalmente distaccato e seduto sui suoi assi di legno l'obelisco sarebbe stato libero di scorrere al punto più basso nella fossa.



Siamo quindi a credere che travi o tronchi fossero inseriti sotto l'obelisco per oscillare e consentirgli di essere sollevato. Solo guardando le foto della sua posizione si può vedere l'impossibilità di tale compito, non c'è spazio per inserire leve tantomeno per spingere verso il basso. Stiamo parlando di un oggetto che pesa 1168 tonnellate (1). Anche se fosse stato possibile sollevarlo e livellarlo, l'obelisco sarebbe stato nell'ordine dei 6 metri sopra la superficie piana adiacente e avrebbe dovuto essere stato spostato di circa 65 metri in quella zona, 1168 tonnellate. Ciò solleva alcune domande: da dove sarebbe provenuto tutto il legno necessario? Se non si era fisicamente in grado di inserire leve come sarebbe stato sollevato? Una volta sollevato come sarebbe stato spostato e poi abbassato a livello dell'area adiacente?

Staremmo parlando di un progetto di costruzione immenso fatto di solo legno e in una zona dove non esistono alberi di una qualsiasi dimensione considerevole.

Anche in questo caso un'altra tecnologia sconosciuta è la risposta più probabile.

Quando l'obelisco fosse stato sollevato abbastanza in alto e realizzato un percorso pulitoo, sarebbe stato trascinato giù per il pendio verso il fiume. L'archeologo inglese Reginald Englebach calcola che questo potrebbe essere fatto da 6.000 uomini che tirano 40 corde, ognuna di 18,4 cm di diametro.

Si suggerisce che altri obelischi sono stati collocati su una slitta o su rulli per essere trascinati.

In primo luogo dobbiamo esaminare il numero di uomini e la quantità di corda: 6.000 uomini e 40 corde equivale a 150 uomini per ogni corda che occupano uno spazio di 1 metro ciascuno, equivale a una corda più lunga di 150 metri e di 18,4 cm di diametro. Quale sarebbe il solo peso della fune? Cercare di afferrare un oggetto che è 18,4 cm di diametro quindi immaginate di doverlo tirare. Allora come si fa a collegare queste corde all'obelisco? Non potevano certo essere avvolte intorno ad esso, perché avrebbero interferito con i rulli. Questo presuppone che ogni uomo fosse capace di tirare 154kg, ad esclusione del peso della corda. Si presuppone che ci fossero 6.000 uomini validi a disposizione per fare questo nella calura del giorno.

[Le corde: Immaginate di fare una corda di 18.4 cm di diametro e più di 150 metri di lunghezza. Non si possono fare nodi con una corda del genere, come si sarebbe dovuta attacare all'obelisco? Quindi immaginare di fare 40 di queste corde e trasportarle al sito, sollevarle e spostarle. Questo può essere chiamato solo un volo di fantasia inglese.]

Ora i rulli avrebbero dovuto essere di diametro e consistenza di dimensioni sufficienti ad ospitare un tale peso. Avrebbero dovuto essere di almeno 6 metri di lunghezza; da dove sarebbero arrivati? Per una lunghezza di 40 metri ce ne sarebbero voluti almeno 40 più quelli da mettere davanti durante lo spostamento. Inoltre avrebbero dovuto essere tutti dritti e dello stesso diametro. Come avrebbero potuto essere realizzati e da quale fonte?

La superficie che scende verso il fiume avrebbe dovuto essere relativamente liscia e priva di ostacoli, anche relativamente costante in pendenza per il fatto che sarebbe stata in discesa verso il fiume. Come si fa a trattenere un oggetto di 1.168 tonnellate su rulli su un pendio in discesa? Sarebbe come mantenere un camion merci carico su una collina senza freni. Ciò presuppone un percorso rettilineo, che sarebbe improbabile, come si dovrebbe realizzare questa opzione in discesa senza freni?

Nell'esaminare la visione convenzionale in dettaglio a questo punto si può solo supporre una ottima fantasia al lavoro. Fantasia che nega le prove fisiche, tale è la natura degli "esperti" di Egittologia.

Non ho la risposta per "come è stato fatto", ma so che non era come presentato in Gli Obelischi dell'Egitto e altre fonti online.

Chi ha intrapreso questo progetto conosceva cose e tecnologie che sono stati a lungo dimenticati.

Sarebbe difficile replicare una simile impresa oggi con le nostre attuali tecnologie per non parlare del tentativo di duplicare quelle che sono state descritte.

Ci è stato detto che l'obelisco doveva essere caricato su un qualche tipo di barca e trasportato lungo il Nilo fino alla sua posizione finale. Mi occuperò di questo in un documento separato relativo a tutte le possibilità e le impossibilità di una simile impresa.

Gli obelischi di Karnak

Tuthmosis I a sinistra, Hatshepsut a destra

Ci sono due obelischi rimasti in piedi nel sito del tempio di Karnak. Il primo di questi si dice sia uno di una coppia eretta da Thutmosi I, il terzo re della XVIII dinastia (1506-1493 a.C. regno (contestato)), realizzati in granito rosso e quello rimasto misura 19,5 metri di altezza e si stima pesi 143 tonnellate.

Il secondo è uno dei quattro obelischi eretti da Hatshepsut (regno 1473-1458 a.C.); anch'esso fatto di granito rosso e alto 29,5 metri e del peso stimato di 323 tonnellate.

Entrambi poggiano sulle loro basi in pietra.

Dopo essere stati trasportati al sito cerchiamo di esplorare il modo in cui si dice siano stati eretti.

Una rampa di terra o sabbia doveva essere stesa per trascinare gli obelischi dal punto di sbarco fino al luogo in cui dovevano essere eretti. Le opinioni degli ingegneri, architetti e archeologi di come questo sia stato compiuto variano considerevolmente, e un certo numero di modi diversi sono state suggeriti... Engelbach suggerisce il seguente:

"Un metodo che è meccanicamente possibile e che soddisfa tutti i fatti osservati è che l'obelisco non fosse calato sul bordo di un terrapieno, ma giù in un pozzo a imbuto alla fine di esso, l'abbassamento viene fatto rimuovendo la sabbia, con la quale il pozzo era stato riempito, da gallerie che portano sul fondo di questo, e quindi permettendo all'obelisco di posizionarsi lentamente. Prendendo questo come base del metodo, la forma della fossa si risolve in un imbuto a sezione quadrata rastremata - piuttosto come un imbuto per benzina - largo nella parte superiore, ma molto stretto vicino alla base dell'obelisco. L'obelisco viene introdotto nell'imbuto in modo curvo portando gradualmente dalla superficie del terrapieno fino a che non si fosse attacato uniformemente con la parete dell'imbuto. La sabbia veniva rimossa da uomini con cestelli attraverso gallerie che portano dal fondo del tunnel fuori del terrapieno."


In primo luogo dobbiamo affrontare il tipo di materiale che potrebbe essere utilizzato per una simile impresa. La sabbia asciutta sarebbe inutilizzabile, non poteva essere compattata per sostenere il carico dell'obelisco più tutto il traffico pedonale di quei "migliaia" di uomini che dovevano tirarlo su per la rampa. La forma curva del "imbuto" e la vicinanza di pendenza verticale sul lato destro sarebbe impossibile da raggiungere con la sabbia e come è possibile mantenere la forma del "imbuto"? Non ci sarebbe nulla per mantenere forma e tenuta della sabbia o della terra.


Quando terra o sabbia accumulata formeranno un pendenza massima di 45°, la massima pendenza della rampa sarebbe del 10%, qualcosa di più alto sarebbe estremamente difficile da tirare su. Supponendo che la rampa avrebbe dovuto raggiungere un'altezza di 20 metri prima che l'obelisco è più basso oltre il bordo, la rampa sarebbe un minimo di 210 metri di lunghezza e contenere 37.250 m³ di materiale come indicato sopra.


La rampa in sé avrebbe dovuto essere di almeno 6 metri di larghezza per accogliere l'obelisco e le "migliaia" di uomini necessari per tirare e spingere su per la rampa. Come si fa a posizionare fisicamente molti uomini su questa rampa? Ci sarebbe stato un punto in cui non sarebbero più stati in grado di tirare, così come a spingere per la distanza rimanente. Dopo aver raggiunto il punto di svolta nella parte superiore della rampa, che sarebbe crollato sotto il peso di taglio dell'obelisco, sarebbe quindi solo caduto sulla pista a 45°. Qualsiasi sabbia lì sarebbe stata schiacciata e dispersa. L'unico modo in cui un "imbuto" potrebbe realizzarsi sarebbe con una struttura in pietra o legno costruita intorno alla base, ma anche in questo caso dopo averlo riempito di sabbia che viene eliminata attraverso le gallerie sarebbe estremamente difficile e ancora non ci sarebbe alcun controllo su come l'obelisco possa scivolare nella cavità. Ogni più piccolo residuo di sabbia tra l'obelisco e la sua base avrebbe dovuto essere rimosso altrimenti i granelli di sabbia si sarebbero comportati come cuscinetti a sfera sotto l'obelisco facendolo probabilmente slittare.
Un'altra versione prevede che l'obelisco raggiunga quel punto di non ritorno per poi essere tirato fino alla sua posizione eretta da corde. Ma dove sarebbero state fissate? E come?

Si presume che alcune se non tutte le strutture circostanti fosssero già in loco prima che l'obelisco fosse eretto. Se è così, e data l'immensità della rampa, come avrebbe potuto essere realizzata nello spazio ristretto che esisteva in quel momento? Solo costruire una di queste rampe sarebbe stata una grande impresa e ci viene detto che c'erano sei obelischi. Da dove sarebbe arrivata questa massa di materiale? Come sarebbe stata posizionata? Come avrebbe potuto mai mantenere la sua forma e sostenere 323 tonnellate o più? Quale possibilità di manovra avrebbero avuto gli uomini su una struttura del genere e spingere e tirare sulla rampa con dei rulli? Ci è stato detto ci siano voluti sette mesi per creare l'obelisco; quanto tempo ci sarebbe voluto per costruire la rampa, spostare l'obelisco, e rimuovere la rampa o spostarla per il successivo obelisco?

Ci sono altre due considerazioni per quanto riguarda questo schema. La prima è che le strutture esistenti erano già in piedi nella zona in cui obelisco di Hatshepsut è stato posto come è indicato sul Mappa digitale del tempo di Karnak (http://dlib.etc.ucla.edu/projects/Karnak/timemap), che sarebbe in contrasto con la rampa sopra descritta.

La seconda considerazione è la quantità di forza necessaria per spostare le 323 tonnellate dell'obelisco sulla rampa, a causa della pendenza, la quantità di forza è superiore a quella necessaria in piano. Le mie competenze matematiche non sono tali per essere in grado di determinare questo secondo l'equazione qui sotto, ma si può presumere che sarebbe impossibile raccogliere abbastanza uomini sulla rampa per realizzare tale compito.


Non dimentichiamo anche il problema di fissare le corde per l'obelisco in modo che le "migliaia" di uomini potessero spostarlo. E un ultimo punto: quando l'obelisco fosse scivolato sul bordo della rampa il contatto con un qualsiasi materiale di costruzione della rampa avrebbe determinato una forte probabilità di abrasione a quella faccia dell'obelisco, un lato che aveva ricevuto un alto grado di finitura.


L'Obelisco di 
Hatshepsut


Ora vedremo l'obelisco che è rimasto in piedi da quasi 3.500 anni, che è 29,5 metri di altezza e ... quadrati (2) alla sua base. Poggia su una base di roccia che è ... (3). Questa base dovrebbe poggiare sulla pietra solida in modo che non ci siano cedimenti differenziali. La parte superiore della base avrebbe dovuto essere perfettamente piana, liscia e levigata. Completamente pulita da detriti (sabbia o terra) quando l'obelisco è stato messo in sede.

Anche la parte inferiore dell'obelisco avrebbe dovuto essere perfettamente piana, liscia e levigata. Essere ad angolo retto perfetto (90°) rispetto alla linea centrale del obelisco stesso. La minima differenza in questo angolo causerebbe una inclinazione dell'obelisco che aumenta con l'altezza. Allo stesso modo tutti e quattro i lati devono essere simmetrici rispetto alla linea centrale dell'obelisco. Se un lato fosse maggiore rispetto agli altri causerebbe una deviazione nel centro di gravità. Pertanto, dopo essere grossolanamente sbozzata dalla cava, avrebbe subito una sagomatura di precisione e finitura prima di incidere le iscrizioni ed essere montato. E' difficile credere che questa precisione nella sagomatura sia stata fatta da uomini con mazze di legno e scalpelli di rame o rocce di dolerite, o lucidato con sabbia o rocce frantumate. I bordi sono perfettamente quadrata con molto poca rotondità. Questa è la precisione. Le tolleranze per erigere una pietra di queste dimensioni con la possibilità di fratturarla avrebbe richiesto un elevato grado di controllo. Il fatto che sia ​​stato posizionato in modo preciso e di aver superato la prova del tempo, e continuerà a farlo, parla di abilità inimmaginabile. Qualcuna delle nostre odierne strutture moderne sarà ancora in piedi a 3.500 anni da oggi? In qualche modo dubito.


Le incisioni sono precise; ci sono suggerimenti per quanto riguarda gli strumenti che sono stati utilizzati, ma nessuno realmente soddisfa quando ci si trova in presenza di questo incredibile lavoro. Basta guardare la precisione dei tagli, la rettilineità delle linee oltre la lunghezza della pietra; non vi è alcuna possibilità di errore, non si può rimettere il materiale a posto dopo che è stato rimosso. Come potremmo farlo oggi? Christopher Dunn suggerisce che un processo di taglio a vibrazione sonica vibratoria sarebbe più adatto dove l'utensile penetra il materiale ad una profondità prestabilita. (4) Vi è anche evidenza dell'uso di strumenti rettangolari.


Ci è stato detto dagli egittologi di grande cultura che cosa significno tutte queste iscrizioni; ma lo sappiamo veramente, o si stanno facendo solo ipotesi e assunzioni, come quelle su come sono stati realizzati ed eretti gli obelischi?

Sulla base del suo obelisco che si trova ancora a Karnak, Hatshepsut ha scritto che

"lo ha fatto come suo monumento per il padre Amon, Signore delle Due Terre di dimoranti a Karnak, la realizzazione per lui di due grandi obelischi di solido granito rosso della regione del sud; loro abbienti superiori d'oro dei migliori di tutti i paesi"

L'iscrizione sopra è stato trovata sulla parete sud dell'Obelisco, eretto da Hatshepsut. Come si ottiene una così precisa traduzione (in una qualsiasi altra lingua) interpretando qualcosa come i geroglifici sopra? Vorrei suggerire che potrebbe esserci una grande quantità di tiri ad indovinare e pio desiderio di descrivere, ma poi, naturalmente, le persone che fanno questo sono "esperti" nel non essere interrogati. Non è possibile che i simboli possano avere molteplici significati a seconda del contesto in cui vengono utilizzati o che abbiano significati totalmente diversi da quelli che scegliamo di assegnare loro? Proprio come i nostri "esperti" hanno assunto di sapere come sono stati creati, trasportati ed eretti gli obelischi, e che questo non dovrebbe essere messo in discussione, forse gli stessi presupposti errati sono stati fatti nelle traduzioni.



CONCLUSIONE

Stiamo esaminando una cultura incredibile che ha comunicato con i simboli, che ha fatto cose incredibili con la pietra, che sono durate secoli, eppure li descrivono come un po' primitivi rispetto ai nostri modi "moderni". L'evidenza non suggerisce qualcosa di molto più avanzato - la conoscenza che è stata persa nello scorrere del tempo? Gli obelischi sono solo un esempio del grande mistero che sta davanti a noi, possiamo scegliere di rimanere bloccati nelle nostre convinzioni tradizionali o possiamo abbracciare il mistero e continuare a mettere in discussione e cercare risposte.

Dopo essere rimasti meravigliati di fronte a questi e altri manufatti sorprendenti delle civiltà passate, non si può fare a meno di mettere in discussione le loro origini e le storie che ci vengono raccontate su di loro. Qui sono in gioco alcune tecnologie superiori, perdute per noi e per i nostri modi moderni. Quali sono, è il mistero, ma fino a che abbracceremo la visione convenzionale come portata avanti dagli "esperti" non potremo mai trovare la risposta ai misteri. Dobbiamo essere disposti a mettere in discussione e a credere nell'impossibile, perché se non lo facciamo, come possiamo mai aspettarci che accada?


(1) un carro merci ferroviario nordamericano di serie caricato pesa 70-100 tonnellate
(2) lo scrittore non era in grado di procurarsi queste dimensioni
(3) lo scrittore non era in grado di procurarsi queste dimensioni
(4) The Lost Tecnologie dell 'Antico Egitto, Christopher Dunn


Articolo originale: Qui




domenica 15 novembre 2015

Scoperta una antica rete fluviale sotto le sabbie del Sahara

Le immagini radar del deserto della Mauritania hanno rivelato un fiume che si estendeva per oltre 500 km e suggeriscono che una volta la flora e la fauna selvatica prosperavano in questi luoghi.

Un'immagine radar dei paleo-fiumi scoperti.
L'acqua potrebbe avere percorso questa rete di canali
appena scoperta fino a 5000 anni fa. Fotografia: Philippe Paillou

Una vasta rete di fiumi che un tempo portava l'acqua per centinaia di chilometri attraverso il Sahara occidentale è stata scoperta sotto le sabbie riarse della Mauritania.

Le immagini radar riprese da un satellite giapponese di osservazione della Terra hanno individuato l'antico sistema fluviale sotto la superficie polverosa poco profonda, a quanto pare si snoda per più di 500 chilometri dall'interno verso la costa.

La via d'acqua sepolta potrebbe aver fatto parte del fiume Tamanrasett che si pensa scorresse attraverso parti del Sahara occidentale in tempi antichi originando da fonti nelle montagne meridionali dell'Atlante e dagli altipiani dell'Hoggar in quella che oggi è l'Algeria.

Il team a guida francese dietro la scoperta ritiene che il fiume portasse l'acqua al mare durante i periodi umidi occorsi nella regione negli ultimi 245000 anni. L'acqua potrebbe essere scorsa attraverso questi canali fino a 5000 anni fa.

Il fiume avrebbe aiutato le persone, la flora e la fauna a prosperare in quello che oggi è una terra deserta, e avrebbe trasportato nutrienti essenziali per gli organismi marini. Se scorresse ancora oggi, il sistema fluviale sarebbe il 12° tra i più grandi della Terra, scrivono i ricercatori sulla rivista Nature Communications.

Le immagini scattate dal satellite hanno rivelato che i letti dei fiumi nascosti sono allineati quasi perfettamente con un enorme canyon sottomarino che si estende nelle acque al largo della costa della Mauritania a più di tre chilometri di profondità. Mappato per la prima volta nel 2003, il Cap Timiris Canyon è largo 2,5 km.

I contorni e il corso principale del fiume Tamanrasett disegnati in blu e grigio, rispettivamente. Il fiume recentemente identificato e Cap Timiris Canyon sono in blu scuro all'estrema sinistra della mappa. Fotografia: Nature Communications

Russell Wynn del National Oceanography Centre di Southampton è stato tra i ricercatori che hanno creato la prima mappa 3D del canyon dalla nave di ricerca tedesca Meteor. Carote di sedimenti portati dal fondo del canyon contenevano particelle fluviali a grana fine che hanno suggerito che un enorme fiume si era formato prima, e successivamente immesso, nel profondo canale scavato nella piattaforma continentale.

"E' una grande storia di investigazione geologica e conferma più direttamente quello che ci aspettavamo. Questa è la prova più convincente che in passato ci fu un grande sistema fluviale che alimentava questo canyon", ha detto Wynn, che non è stato coinvolto nello studio più recente. "Ci dice che non più tardi di 5-6000 anni fa, il deserto del Sahara è stato un attivo e molto vivace sistema fluviale."

In pieno flusso, il fiume avrebbe portato materiale organico dalla terra nell'oceano, dove ha sostenuto un ricco ecosistema di filtratori ed altri organismi nel canyon. Ma il fiume era troppo distruttivo, scatenando correnti rapide e turbolente di acqua e sedimenti lungo il canyon. Flussi simili sono ancora oggi attivi al largo della costa di Taiwan, e hanno abbastanza forza per distruggere cavi sottomarini e altre infrastrutture.

"A volte non è possibile far riflettere le persone sul cambiamento climatico e su quanto velocemente questo avvenga. Ecco un esempio in cui nel giro di un paio di migliaia di anni, il Sahara è passato da essere bagnato e umido, con un sacco di sedimenti trasportati nel canyon, a qualcosa che è arido e secco", afferma Wynn.

Fonti:





sabato 14 novembre 2015

Dignità

Prima di scrivere qualche riga, forse doverosa, forse no, per quanto accaduto la scorsa notte a Parigi, ho voluto attendere qualche ora, leggere e cercare di capire, quanto accade e come si reagisce nel mondo reale e in quello virtuale a questo gesto infame, a queste vite perdute in maniera così barbara.



Tralascio il giudizio sulla vacuità delle affermazioni di politici e potentati italiani, con parole vuote e prive di ogni vera umanità e genuino cordoglio, prive di una qualsiasi forma di analisi, inneggianti alla bontà dell'occidente, alimentando la differenza, la diffidenza, l'emarginazione e l'odio, consapevoli, a diversi gradi credo, di essere parte di un gioco, di un piano già congegnato e in corso di realizzazione.
Chissà cosa dirà poi la Storia.

Tralascio la scarsa capacità di cronaca di tutti i mezzi di informazione, incapaci di farsi domande al di là dell'ovvio della notizia, di come manchino all'appello immagini di telecamere di videosorveglianza di una metropoli come Parigi, ad esempio. Di quanto nessuno tenti una disamina del perché e del percome, alimentando anch'essi un clima di terrore e paura dell'altro.

Tralascio le affermazioni sul chi ha voluto cosa. Sull'accoglienza di rifugiati e diseredati dell'umanità, perché "ora li abbiamo in casa", "nessuno è più al sicuro", come se donne e bambini che scappano da una guerra o dalla follia di certa "legge islamica" abbiano colpe da terroristi.

Tralascio il tam tam razzista e xenofobo delle ultime ore sui social network, specchio di quanto sia labile la consapevolezza del gregge, che si inonda di messaggi di cordoglio e bande a lutto, che inneggia alla pace e subito dopo chiede il sangue della vendetta.

Gli esseri umani nascono in uno stato di laicità, di gioia e di fiducia, di curiosità e scoperta, senza paura della differenza, dell'altro, del suo colore, del suo odore, dei suoi occhi. Quale implicazione occorre a che questo stato di grazia venga meno nelle persone? Le risposte sono molteplici, ma alcune sono prime in classifica. Lascio a voi immaginare quali possano essere. 

Come sempre vi invito a ragionare, a riflettere, a non affrettare giudizi, nel rispetto degli altri, chiunque essi siano. Perché parliamo innanzitutto di perdita di dignità.

Dignità della vita di chi è morto a Parigi ieri notte. Dignità di chi si è ucciso dopo aver compiuto una carneficina in nome di un dio o di una ragion di stato. Dignità di chi è rimasto, in occidente e in oriente, ed è costretto a subire o a giudicare, ad aver paura, sull'uno o sull'altro fronte. Dignità di chi calpesta la sua dignità per seguire precetti assurdi e che poco hanno a che fare con l'essere umani. Dignità persa da chi nega l'essenza umana, fatta di corpo oltre che di anima. Dignità perduta a beneficio del profitto e dello sfruttamento, a discapito della solidarietà e della comprensione. Dignità perduta insieme al tempo che ci viene rubato ogni giorno.

Tycho